F.A.Q.



Domande degli iscritti

La prova d'autore generata tramite marcatura temporale su Patamu Registry è garantita per un minimo di 20 anni dal momento del deposito. La prova di paternità resta valida 20 anni indipendentemente da Patamu, quindi l'autore è indipendente da Patamu nel poter dimostrare la validità legale della prova anche negli anni successivi al deposito, a patto di aver scaricato la prova d'autore (costituita dal file .tsr più il file .zip).
Per comparazione, la prova generata con il deposito opere inedite SIAE dura 5 anni contro i 20 anni della prova generata con Patamu.

L'iscrizione all'account Starter è gratuita e ti permette di depositare opere per una settimana per provare il servizio, anche se durante il periodo di prova non puoi scaricare le prove d'autore necessarie a dimostrare con validità legale di essere l'autore dell'opera. 

Se al termine della settimana sei soddisfatto del servizio puoi passare all'account Advanced o Professional, continuare a depositare nuove opere e scaricare anche le prove d'autore delle opere depositate durante la settimana di prova.

Se invece deciderai di non effettuare l'upgrade, dopo qualche giorno le prove d'autore delle opere depositate durante il periodo di prova verranno rimosse.

L'iscrizione a Patamu Registry non comporta vincoli né esclusive, ti permette di disiscriverti quando vuoi, ed è compatibile anche con l'iscrizione con le collecting societies tradizionali. Una volta scaduto il tuo account puoi decidere autonomamente se rinnovarlo o meno: con il rinnovo potrai continuare a depositare nuove opere e mantenere sul sito quelle depositate in precedenza; se non rinnovi potrai comunque scaricare e conservare autonomamente le prove d'autore generate, che resteranno valide per 20 anni.

Per il deposito di un co-autore in un brano, è importante che anche il co-autore sia iscritto a Patamu almeno come utente Starter (account di prova gratuito) al momento del deposito. Infatti un utente Starter può continuare ad essere inserito come co-autore da un utente che possieda un account Advanced o Professional anche dopo il periodo di prova, secondo le seguenti modalità:
  • un utente Advanced può inserire nelle proprie opere co-autori Starter per un massimo di 10 volte in totale. Può invece effettuare inserimenti di co-autori Advanced o Professional per un numero illimitato di volte.
  • un utente Professional può inserire come co-autori nelle proprie opere un numero illimitato di volte utenti Starter, Advanced e Professional.
Ad esempio un Advanced, inserendo due co-autori Starter in 5 brani distinti, esaurirà le opzioni di inserimento co-autori Starter e dovrà passare al Professional per poter aggiungere Starter illimitatamente, a meno che gli Starter non passino ad Advanced a loro volta.

Ricapitolando, se si prevede di inserire molte volte dei co-autori nelle proprie opere:
  1. Se noi siamo iscritti come Advanced, ed il co-autore come Starter, sarà possibile inserirlo come co-autore fino a 10 volte, ovvero il numero di volte massimo (in totale) in cui un Advanced può inserire degli utenti Starter come co-autori

  2. Se noi siamo iscritti come Advanced, ed il co-autore come Advanced o Professional, sarà possibile inserire il co-autore un numero illimitato di volte

  3. Se noi siamo iscritti come Professional, sarà possibile inserire un co-autore un numero illimitato di volte indipendentemente dal fatto che questo sia Starter, Advanced o Professional

La visibilità dell'opera è una caratteristica per decidere il livello di visibilità dell'opera, sia nella pagina Certificato di Deposito, che nel database delle opere (quest'ultimo di prossima pubblicazione).

La visibilità standard per gli account Advanced è "solo dati registrazione", che permette di far visualizzare nel database delle opere i dati di registrazione (autore dell'opera, titolo dell'opera, licenza di distribuzione") ma mantiene privata la visibilità dell'opera, che non è dunque visibile o scaricabile pubblicamente se non su esplicita scelta dell'autore. 

Gli account Professional hanno inoltre a disposizione la visibilità "privata": in questo caso l'opera resta totalmente invisibile e non appaiono neanche i dati di registrazione, sia sulla pagina di Certificato di Deposito che sul database delle opere.

NOTE:

  • in ogni caso, a prescindere dall'account scelto (Starter, Advanced o Professional), l'opera in sé non viene mai resa pubblica, se non su precisa scelta dell'autore.
  • lo status di visibilità può essere sempre modificato dopo il deposito, attraverso la propria pagina personale, cliccando sul titolo di un'opera e modificandone le impostazioni.

Puoi scegliere liberamente la licenza che preferisci, "tutti i diritti riservati" o "creative commons", o anche "nessuna licenza".

In poche parole, con "tutti i diritti riservati" non può essere fatto alcun uso dell'opera senza l'autorizzazione esplicita dell'autore, ogni volta.

Con le licenze Creative Commons invece l'autore "apre" alcuni diritti, ovvero permette l'uso della propria opera in certi specifici casi, a patto che vengano rispettate le condizioni da lui richieste.
Come vedrai dai link che ti passiamo qui in basso, queste licenze possono essere coniugate con vari livelli di "apertura".

Qui due link che spiegano come funzionano le licenze Creative Commons:

Come scegliere la licenza di distribuzione della propria opera (testo)

Cosa sono e come funzionano le licenze Creative Commons (testo + video)

Con il deposito su Patamu Registry hai creato una prova d'autore che serve a dimostrare che sei tu l'autore del contenuto depositato, con data certa. La prova è valida anche in sede legale, a patto che nessuno abbia prodotto una prova d'autore prima di te per la stessa opera o lo stesso contenuto.

La prova d'autore è costituita dal congiunto del file .zip generato al momento del deposito (contenente opera e dichiarazione di paternità) e dal file .tsr, un file associato indissolubilmente al primo, che garantisce con tecniche di crittografia digitale (la cosiddetta marcatura temporale) l'esistenza in una data certa dell'opera e della dichiarazione di paternità. Hai quindi bisogno di entrambi i file per poter dimostrare efficacemente in sede legale di essere l'autore dell'opera.

La verifica della validità della marcatura temporale viene effettuata in automatico dai nostri sistemi. 
All'utente chiediamo solo di verificare che il pdf incluso nel file zip della dichiarazione di paternità contenga tutti i dati corretti, e che l'opera inserita nel file zip sia quella corretta. Richiediamo all'utente questo passaggio solo per essere sicuri che l'utente non abbia inserito per errore un'opera o dei dati sbagliati, cosa che non possiamo verificare in automatico.

Se vuoi verificare anche in autonomia la validità della marcatura temporale, puoi andare sulla tua pagina opere, cliccare sul titolo dell'opera a cui sei interessato, scaricare il file zip generato ed il file tsr generato, e verificare indipendentemente la validità della marcatura usando questo tool interno. Se vuoi verificare la validità della marcatura con metodi indipendenti da Patamu, a questo link trovi le indicazioni per la verifica attraverso la pagina del Consiglio Nazionale del Notariato o tramite il software ArubaSign.

Tipicamente viene inteso come autore chi ha collaborato alla creazione dell'opera. Per esempio, nel caso di un brano va considerato come co-autore chi ha partecipato alla stesura della melodia o del testo, e non chi ha collaborato all'esecuzione o all'arrangiamento, tranne nei casi in cui questi risultino talmente speciali da diventare parte integrante della composizione (p.es. il basso iniziale in "Walk on the wild side" di Lou Reed o la frase d'organo iniziale di "A whiter Shade of Pale").

Alcune band, tuttavia, scelgono di far risultare tutti i membri come co-autori indistintamente, poiché ritengono che l'intero processo creativo sia essenzialmente condiviso. Questa è una tua scelta che può essere fatta. È però importante ricordare che dopo aver scelto di condividere le percentuali degli autori, non è più possibile dire a posteriori - per esempio dopo un litigio - "in realtà io ero l'autore ed ho aggiunto l'altro co-autore solo perché a quell'epoca suonavamo assieme". La scelta dei co-autori di un brano non è temporanea e resta legata al brano per sempre. Per questo consigliamo sempre massima correttezza e corrispondenza agli effettivi contributi compositivi nell'indicare gli autori e le rispettive percentuali.

Gli iscritti Professional hanno a disposizione un'opzione per depositare le opere utilizzando uno pseudonimo o nome d'arte. 
Al momento dell'iscrizione devono essere comunque inseriti i dati anagrafici reali (pena la non validità della prova generata), ma nella dichiarazione di paternità e dunque nella prova d'autore (entrambe non visibili pubblicamente) verrà inserito anche lo pseudonimo, mentre nel certificato di deposito (che un iscritto Professional può decidere se rendere pubblico o meno) apparirà solo lo pseudonimo.

L'opzione per l'inserimento dello pseudonimo si trova nella pagina del profilo, sotto la tab "EXTRA". Dopo aver inserito lo pseudonimo, per includerlo nella dichiarazione di paternità accanto ai dati reali, bisogna cliccare "SÌ" alla voce "Alias nella dichiarazione di paternità". Per gli account Professional è possibile anche decidere di volta in volta se e come usare lo pseudonimo alla fine di ogni singolo processo di marcatura.

Le prove d'autore sono scaricabili durante tutto l'anno in cui è attivo l'abbonamento, ed anche alla scadenza, nel caso in cui non volessi rinnovare l'abbonamento, ti spieghiamo come scaricarle prima che vengano rimosse dal sistema. Le prove scaricate restano legalmente valide per almeno 20 anni dalla data del deposito indipendentemente da Patamu.

Ad ogni modo noi consigliamo comunque il rinnovo perché:

  1. Mantenere anche da noi le prove è più sicuro rispetto alla possibilità di perdere le prove conservate personalmente
  2. La pagina pubblica del certificato (che dimostra il deposito su Patamu e funge da deterrente) resta attiva solo se l'abbonamento è attivo
  3. Sì possono continuare a tutelare nuove opere

Per aggiornare una tua opera già depositata basta andare nella pagina delle opere personali, e cliccare sull'icona gialla con la freccia che punta verso l'alto (la trovi accanto allo status dell'opera). In questo modo potrai depositare un file aggiornato dell'opera, e verrà effettuata una nuova marcatura con l'opera aggiornata (senza perdere la marcatura precedente).

L'account Starter ti permette di provare il servizio di tutela e capire se è compatibile alle tue esigenze (e ovviamente se ti trovi bene). 
Lo scaricamento della prova di marcatura è possibile una volta effettuato l'upgrade ad un account Advanced o Professional.
Una volta scaricato il tsr puoi effettivamente verificare la validità legale del deposito presso Patamu con una fonte indipendente come la pagina del Consiglio Nazionale del Notariato.

Puoi visionare le differenze tra i due account visitando questa pagina.

L'abbonamento non scade allo scadere dell'anno solare, ma dopo 12 mesi dal giorno in cui è stato sottoscritto l'abbonamento.

Con Patamu è possibile depositare e tutelare opere non nella versione definitiva, ed anzi Patamu prevede uno status "bozza" per le opere non completate.
Dopo il deposito della bozza, in caso di evoluzione dell'opera è possibile aggiornare il deposito attraverso un apposito pulsante posto accanto allo status attuale dell'opera. Per ogni aggiornamento viene effettuata una nuova marcatura per il nuovo deposito, ovviamente senza perdere la marcatura precedente. 

Certamente, puoi distribuire le tue opere nei vari servizi di distribuzione digitale senza essere iscritto alla SIAE o ad altre collecting tradizionali, ed anzi in questo modo puoi disporre delle tue opere senza questioni burocratiche come il bisogno di chiedere autorizzazioni o permessi. 

Per aggiungere un co-autore devi avere a disposizione il suo nome, cognome, ed username su Patamu.
Se il sito indica che un co-autore non ha inserito tutti i dati necessari per essere indicato come tale, dovrai chiedergli di effettuare il login al sito e poi di cliccare al seguente link:
https://www.patamu.com/index.php/it/nuova-opera?layout=profile
procedendo dunque a compilare tutti i dati mancanti in questo campo e premere CONFERMA. Da quel momento potrai inserire il co-autore nelle tue opere.

Per tutelare opere a nome di tutti i componenti del gruppo è consigliato che almeno un componente sia Professional (60€ + iva per un intero anno di attivazione), di modo che gli altri possano essere iscritti anche come Starter gratuiti ed essere inseriti come co-autori un numero illimitato di volte. 

L'account Professional permette inoltre: depositi e spazio illimitato, deposito con pseudonimo o nome d'arte, deposito di progetti multi-file, upload file zip protetti da password, assistenza telefonica su appuntamento, ed infine come novità del 2017: la pagina certificato di deposito avanzata, e la possibilità di affiancare alla certificazione con marcatura temporale classica anche la certificazione tramite la Bitcoin Blockchain. Con il passaggio inoltre sosterrai il nostro servizio e ci aiuterai a crescere.

Puoi iscriverti a Patamu LIVE da questo link, senza vincoli di permanenza o esclusive, ed utilizzare Patamu LIVE solo quando vuoi.
Al momento per utilizzare a Patamu LIVE devi aver preliminarmente depositato i tuoi brani sul servizio di tutela dal plagio Patamu Registry, anche per tua tutela.
Ricorda che alcune collecting come la SIAE chiedono l'esclusiva, quindi se sei iscritto a queste non potrai utilizzare Patamu LIVE, a meno che tu non abbia effettuato la limitazione di mandato sui LIVE.


Patamu

Patamu è una piattaforma web che offre vari servizi per artisti, creativi e creatori di opere di ingegno in generale.

Patamu Registry, il servizio principale, permette di creare una prova di anteriorità valida legalmente per dimostrare di essere l'autore di un'opera creativa tutelandosi dal plagio. Il servizo Patamu Registry è utilizzabile da parte di qualsiasi tipologia di utente, non vincola l'autore nell'utilizzo delle opere depositate o nella gestione dei suoi diritti, ed è compatibile anche con l'iscrizione ad una società di collecting tradizionale. Per leggere i dettagli di questo servizio leggi la voce "Patamu Registry" in questa FAQ.

Patamu offre inoltre una serie di servizi aggiuntivi, che puoi scoprire leggendo la voce "Quali sono i servizi di Patamu?" in questa FAQ.

Patamu ha vinto due premi all'innovazione ("Inventare il Futuro" dell'Università di Bologna, ed il "Fondo per la Creatività" della Provincia di Roma) ed Innovaetica, la startup che porta avanti il progetto, è stata riconosciuta come Startup Innovativa. Oltre ad offrire servizi online, Patamu organizza varie iniziative sul territorio per promuovere una maggiore biodiversità culturale e la formazione degli artisti sulle tematiche del diritto d'autore.

Patamu offre al momento tre servizi principali:

  • PATAMU REGISTRY: è il servizio principale della piattaforma Patamu, che permette di associare una data certa all'esistenza di un qualsiasi documento digitale generando una prova d'anteriorità temporale che permette di avere a disposizione una prova legalmente valida per dimostrare di essere gli autori di un'opera. 
    Il servizio Patamu Registry può essere usato da artisti, creativi, e da chiunque voglia dimostrare l'esistenza di un file in una data certa. Possono usare il servizio sia gli artisti iscritti che gli artisti non iscritti alle società di collecting tradizionali (come la SIAE): non ci sono vincoli o incompatibilità in tal senso. Leggi maggiori dettagli nella sezione delle FAQ dedicata al servizio. 

  • PATAMU LEGAL: mettiamo a tua disposizione avvocati ed esperti per offrirti informazioni e consigli su tematiche di diritto d'autore, per informarti velocemente, chiaramente ed in trasparenza. Le consulenze più semplici sono in "fairpay": ti proponiamo una piccola somma da versare se sei soddisfatto del consiglio fornito, per aiutarci a pagare gli esperti legali che abbiamo messo a tua disposizione. Le consulenze più impegnative sono invece offerte a tariffe agevolate che ti proponiamo a seconda dell'entità dell'intervento.

  • PATAMU LIVE: è un servizio che permette agli artisti di riscuotere i propri diritti d'autore per l'esecuzione dal vivo di proprie opere personali. A causa delle regole interne della SIAE, in questo momento possono usare questo servizio solo gli artisti non iscritti alla SIAE. Leggi maggiori dettagli nella sezione delle FAQ dedicata al servizio.

Deposito opere

  • PATAMU: Con Patamu Registry è possibile produrre una prova d'autore che permetta di dimostrare la paternità di un'opera. Patamu non chiede nessuna esclusiva sulle opere depositate, e gli autori sono liberi di utilizzare il servizio anche se sono iscritti ad una collecting tradizionale come la SIAE. Il deposito avviene online e la prova generata è valida per un minimo di 20 anni. Il servizio Patamu Registry è totalmente analogo in termini di validità legale al Deposito Opere Inedite SIAE, ed ha un costo nettamente inferiore. Clicca qui per conoscere costi e caratteristiche del servizio.

  • SIAE: Il servizio Deposito Opere Inedite offerto dalla SIAE è identico - in termini di validità legale e di tipologia di opere depositabili - al servizio Patamu Registry, ma molto più costoso:
    • la SIAE chiede 65€ per singolo deposito per associati e mandanti SIAE, e 132€ per singolo deposito per non associati SIAE
      Il deposito avviene per posta o recandosi in SIAE e la validità è di 5 anni. Qui puoi trovare maggiori informazioni.
    • Patamu chiede 30€/anno +iva per un abbonamento Advanced, e 60€/anno + iva per un abbonamento Professional che permette depositi illimitati.
      Il deposito avviene totalmente online e la validità è di 20 anni. Qui puoi trovare maggiori informazioni.

Ricapitolando Patamu Registry offre un servizio per la generazione della prova d'autore che ha lo stesso valore legale del deposito opere inedite SIAE, ma attraverso modalità più semplici, con una maggiore durata della validità, ed a costi inferiori. 

Riscossione Royalties

  • SIAE: gli associati o mandatari SIAE possono depositare l'opera in SIAE, che svolge attività di intermediazione per riscuotere i compensi derivati dall'utilizzo delle proprie opere creative (questo non vale per il deposito opere inedite). Con il deposito dell'opera in SIAE, questa diventa mandataria dell'opera, e come effetto collaterale gli autori perdono la libertà di decidere in modo autonomo con quali modalità utilizzare e fare utilizzare la propria opera.  Va detto inoltre per completezza che per più del 60% degli iscritti SIAE la riscossione delle royalties non arriva a coprire le spese di iscrizione. Il meccanismo di ripartizione è, infatti, farraginoso, antiquato e poco trasparente. 

  • PATAMU: in questo momento Patamu non è equivalente alla SIAE dal punto di vista della riscossione delle Royalties, in quanto al momento la SIAE detiene il monopolio in Italia sulla riscossione dei compensi sul diritto d'autore ed altri soggetti stabiliti in Italia non possono svolgere attività di intermediazione. Abbiamo tuttavia lanciato il servizio Patamu LIVE, che permette agli artisti iscritti a Patamu di riscuotere autonomamente le proprie royalties in caso di esecuzione delle proprie opere dal vivo così come garantito dall'articolo 180 della legge sul diritto d'autore (a patto di non essere iscritti alla SIAE). È possibile iscriversi al servizio da qui.

    Inoltre, abbiamo lanciato una petizione per l’abolizione di questo monopolio che, a nostro parere, effetti nocivi sulla diffusione della cultura, sull’effettiva tutela degli interessi degli autori e sull’efficienza del mercato italiano, ed è in contrasto con il libero mercato e con la filosofia di trasparenza della recente direttiva Barnier. Puoi firmare e condividere la petizione da qui: www.change.org/aboliamomonopoliosiae.

Patamu Registry

Patamu Registry è il servizio principale della piattaforma Patamu, che permette di associare una data certa all'esistenza di un qualsiasi documento digitale generando una prova d'anteriorità temporale che permette di avere a disposizione una prova legalmente valida per dimostrare di essere gli autori di un'opera. La prova d'anteriorià è valida come prova d'autore a patto che non esistano prove prodotte precedentemente da altri che siano in contrasto con essa.
Ti incoraggiamo a marcare anche semplicemente la bozza della tua opera, per poi eventualmente "evolvere" il deposito con una nuova marcatura una volta che avrai a disposizione l'opera definitiva: infatti prima si certifica la paternità rispetto all'atto creativo, meglio è. 

La prova di anteriorità è costituita dal file zip (contenente l'opera e la tua dichiarazione di essere l'autore dell'opera) generato al momento del deposito, e dal file crittografato .tsr. Possedendo questi due file puoi dimostrare la data certa della tua prova di anteriorità per 20 anni anche indipendentemente da Patamu. Solo gli Advanced ed i Professional possono scaricare il file tsr. Ti consigliamo di scaricare il file zip e tsr il prima possibile, e di mantere ad ogni modo il deposito anche sul nostro sito, perché conserviamo i tuoi file con livelli di protezione e ridondanza multipli, mentre conservando le tue prove solo in locale corri il rischio di perderle in caso di guasto ai tuoi supporti di memorizzazione.

Il servizio Patamu Registry può essere usato da artisti, creativi, e da chiunque voglia dimostrare l'esistenza di un file in una data certa. Possono usare il servizio sia artisti non iscritti alla SIAE che artisti iscritti alla SIAE: non ci sono vincoli o incompatibilità in tal senso. Leggi maggiori dettagli nella sezione delle FAQ dedicata al servizio. 

  • certifichiamo la data di deposito con un sistema di marcatura temporale riconosciuto in tutta Europa e in 172 Paesi a livello mondiale.

  • mantieni il controllo sulle tue opere, rimanendo il titolare dei diritti.

  • la marcatura è istantanea e subito dopo il deposito puoi verificare che la registrazione è stata effettivamente realizzata a tuo nome.

  • una volta che hai scaricato la prova temporale, puoi dimostrare la paternità dell'opera indipendentemente da Patamu.

  • mantenendo le opere anche sul portale di Patamu, hai a disposizione un servizio di backup a vari livelli di ridondanza per conservare le tue opere e le prove di anteriorità al sicuro, senza i rischi che correresti disponendo della sola copia locale.

Nel servizio per generare una prova d'autore Patamu Registry esistono tre tipi di account, di cui puoi leggere i dettagli cliccando su questo link.

Ricorda che l'account STARTER è gratuito e permette di provare il servizio di tutela. Al momento del deposito viene generata una prova di anteriorità valida per 20 anni, che è possibile scaricare passando ad un account superiore. Terminato il periodo di prova è necessario passare ad un account superiore per continuare a depositare lavori e per scaricare le prove di anteriorità delle opere già depositate che restano valide per 20 anni indipendentemente da Patamu, anche se nell'anno successivo si decide di non rinnovare l'abbonamento. Se invece si decide di non effettuare l'upgrade, le prove delle opere già depositate verranno archiviate ed in un secondo tempo rimosse dal sistema. Un account Starter può comunque continuare ad essere inserito come co-autore e può comunque partecipare ad altri servizi Patamu.

NOTA: questi account sono pensati per uso personale. Per iscriversi come Label, casa editrice o impresa e tutelare le opere di altri artisti, scriveteci attraverso l'Helpdesk.

  • Scadenza: gli abbonamenti di Patamu Registry scadono ad un anno dal giorno della sottoscrizione. 

Per utilizzare il servizio Patamu Registry è necessario inserire obbligatoriamente i vostri dati anagrafici reali, perché sono quelli che verranno utilizzati per generare la dichiarazione di paternità che verrà inserita nella prova d'autore. Le marcature infatti devono contenere i dati anagrafici dell'autore o degli autori per avere validita legale.

È tuttavia in sviluppo un'implementazione per fare apparire al pubblico, invece del nome reale, uno pseudonimo, un alias, o un nome d'arte). Questo servizio sarà riservato agli utenti PRO. Se siete interessati al servizio potete segnalarcelo tramite l'helpdesk.


Le marcature temporali

La marcatura temporale è un procedimento con valore legale che permette di attribuire data ed ora certa ad un documento informatico contenente al suo interno l'opera di ingegno e la dichiarazione di paternità dell'opera stessa. Questo permette all'autore di tutelarsi legalmente da un eventuale plagio avendo a disposizione una dichiarazione di paternità che è valida in assenza di prove che la precedano in ordine temporale.

Il procedimento di marcatura è immediato e ti permette di scaricare la relativa marca temporale in pochi istanti. (Vedi il video tutorial)

La marcatura ha una durata di 20 anni. Noi ti consigliamo però di effettuare nuovamente le marcature ogni 10 anni.

Non è possibile modificare una marcatura già effettuata in quanto ogni marcatura certifica con data certa l'estistenza dell'opera e della dichiarazione al momento del deposito, e qualsiasi modifica ne annullerebbe la validità legale. Nel caso in cui volessi correggere una marcatura errata, potrai effettuare una nuova marcatura inserendo i dati corretti e segnalarci attraverso l'Helpdesk la marcatura errata.

Il file .tsr è un file binario che rappresenta la marcatura temporale. Non è necessario aprirlo in quanto ha valore solo se associato al file marcato.

Le marcature già realizzate non sono modificabili in sé, in quanto si tratta di documenti con valore legale correlati ad una data e ora certa.
È tuttavia possibile aggiornare lo stato di un'opera o la licenza attribuita: basta accedere alla pagina delle proprie opere personali e, nella tabella delle opere, cliccare sulla freccetta vicino allo stato dell'opera o sul bottoncino arancione situato vicino alla tipologia di licenza, che permettono un aggiornamento rapido dello stato dell'opera ed effettuano una nuova marcatura corrispondente.

Le marcature normalmente non sono cancellabili.
Tuttavia in caso di inserimento dati errati è possibile segnalare la marcatura attraverso l'Helpdesk perché venga rimossa.

Per verificare una marcatura ti basta andare alla pagina https://www.patamu.com/verify e seguire le istruzioni. Per verificare che la marcatura sia valida puoi anche utilizzare dei tool esterni come quello del Consiglio Nazionale del Notariato raggiungibile da qui

Per aprire il file puoi utilizzare qualunque programma che permetta di estrarre un archivio zip. Alcuni famosi sono WinZip o WinRar. 

Non è possibile tutelare le proprie opere a nome di un gruppo, perché le marcature sono documenti legali che necessitano dei dati anagrafici di chi detiene la paternità dell'opera.

È possibile tuttavia inserire tutti gli autori di un'opera come co-autori.

Inoltre nei profili ADVANCED e PRO è possibile inserire il nome della propria band ed associarvi i membri del gruppo (o collettivo artistico). Questo permette sia di velocizzare le operazioni di tutela che di accedere ad alcuni servizi avanzati e progetti pilota riservati ai gruppi.

In Patamu non sono tipicamente permessi archivi contenenti più opere: ogni marcatura necessita di essere associata ad una sola opera, che verrà così marcata e protetta singolarmente.
Recentemente è stata introdotta una nuova funzionalità per il PRO che permette di caricare un file zip quando una singola opera è composta da più di un file.

Tuttavia è possibile, dopo aver depositato le opere, creare delle collezioni per accorpare più opere ad un solo progetto (ad esempio nel caso di un album di canzoni).

Per opera madre si intende un'opera dalla quale ne deriva una successiva.

Durante il procedimento di marcatura viene chiesto se l'opera in fase di deposito deriva da un'opera madre, ovvero se la stessa si ispira ad un'opera esterna a Patamu, oppure se è l'evoluzione di un'opera precedentemente marcata.


Domande tecniche

Puoi cambiare la tua email in qualunque momento dal tuo profilo.

No non è possibile cambiare il nome utente.

Certamente, basta richiedere la cancellazione scrivendo a support@patamu.com oppure tramite il centro di assistenza.


Il diritto d'autore su un opera sorge dal momento della sua creazione, senza necessità di alcuna formalità (art.6 Legge sul Diritto d'Autore).
Detto questo, il deposito dell'opera mediante marcatura temporale con Patamu ha un valore probatorio, nel senso che attribuisce una data certa, dotata di valore legale, all'opera.Nell'eventualità dunque di un eventuale futuro plagio dell'opera da parte di un terzo, che si afferma autore della stessa, sarà più facile dimostrare che l'opera era già stata creata precedentemente in quella determinata data da quel determinato autore. Quindi è bene sottolineare, da un punto di vista giuridico, che non è il deposito dell'opera ad attribuire la paternità. La paternità è, infatti, regolata dall'articolo 8 LDA, che afferma una presunzione semplice: "è reputato autore dell'opera, SALVO PROVA CONTRARIA, chi è in essa indicato come tale nelle forme d'uso, ovvero, è annunciato tale nella recitazione, esecuzione, rappresentazione o radiodiffusione dell'opera stessa". Questa presunzione di paternità può essere superata mediante qualunque prova contraria, da quella testimoniale o da presunzioni semplici (ovvero: da una prova valida che sia temporalmente antecedente alla nostra prova). In questo contesto il deposito dell'opera mediante marcatura temporale mira ad agevolare la posizione probatoria dell'autore in un sistema che non riconosce la registrazione obbligatoria delle opere dell'ingegno come invece accade per i marchi e per i brevetti.

La marcatura temporale garantisce efficacia probatoria, come stabilito dal Codice dell’amministrazione digitale (CAD), d. lgs. 7 marzo 2005, n. 82, e dalla Direttiva Europea 1999/93/EC e successive modifiche. Una marca temporale è una sequenza di caratteri che rappresentano una data e/o un orario per accertare l'effettivo avvenimento di un certo evento.

Al momento della dichiarazione di paternità non è obbligatorio inserire un documento di identità perché il deposito non è di per sé costitutivo della paternità (che si presume in caso di prova, fino a prova contraria), bensì finalizzato all'attribuzione di una data certa ad una determinata opera ed alla dichiarazione di paternità associata. L’assenza di un documento d'identità non invalida quindi assolutamente la marcatura temporale.

Patamu e siti analoghi non sono ovviamente l'unico modo per dimostrare la paternità dell'opera. Se qualcuno invece di iscriversi a Patamu vuole acquistare un kit, aprire una PEC e spedire la propria opera ad un amico è libero di farlo. Può anche decidere - ad esempio - di eseguire una canzone inedita davanti a tutti gli amici e chiamarli a testimoniare uno per uno nel caso di un successivo plagio. Sono tutti mezzi probatori – alcuni più deboli e altri meno. In Patamu è possibile accedere a questo servizio in modo semplice, immediato e a costi contenuti.

Patamu non contempla esclusiva, quindi potrai iscriverti tranquillamente anche se sei già iscritto ad un'altra società di collecting tradizionale (es. Siae, Gema, ecc): tuttavia non potrai sottoscrivere a PatamuLIVE e auto-riscuotere le tue royalties, che verranno gestite dalla società di collecting tradizionale a cui sei iscritto.