Blog Patamu

Le ultime news su Copyleft & Copyright, eventi, press review e molto di più
Mercoledì, 23 Ottobre 2019 05:15

Come usare la marcatura temporale in caso di plagio?

Scritto da  Patamu Legal Team
Photo by Wesley Tingey on Unsplash Photo by Wesley Tingey on Unsplash Photo by Wesley Tingey on Unsplash
 
In molti ci chiedete come bisogna comportarsi per difendersi nel caso in cui si subisca un plagio, quindi come usare la marcatura temporale effettuata su Patamu. 
 
Ecco un articolo scritto dal nostro team legale per offrirvi alcuni consigli. Speriamo comunque non dobbiate mai averne bisogno :)
 
Innanzitutto, noi sconsigliamo sempre la controversia, perché riteniamo molto più logico, pratico e veloce provare a risolvere la questione bonariamente.
Il primo approccio, quindi, consiste nell’invio di una comunicazione informale (o direttamente da un avvocato, a discrezione dell’utente) con cui si fa presente alla persona che sta usando l’opera senza autorizzazione, che per utilizzarla c’è bisogno di un accordo con lo scrivente che è il titolare dei diritti di utilizzazione. Potete includere in questa mail il certificato pubblico scaricabile dalla sezione "Le mie opere", dove si dichiara che voi siete gli autori originali dell'opera e dove compare anche il numero di registrazione.
 
Qualora questo primo tentativo andasse male, non resta altro che la controversia.
 
Quando si inizia una controversia, l’attore (chi ritiene di aver subito un torto) cita il convenuto (chi è accusato). Negli atti che si presentano al Giudice quando si inizia la controversia, ciascuna parte presenta la sua versione dei fatti, prendendo posizione e presentando le prove sulla base delle quali afferma i propri diritti ed infine avanzando al Giudice la richiesta di risarcimento dei danni. È esattamente in questo punto che entra in gioco la marcatura temporale effettuata su Patamu. 

La prova di anteriorità è costituita dal file .zip (contenente l'opera e la tua dichiarazione di essere l'autore dell'opera) generato al momento del deposito, e dal file crittografato .tsr. Possedendo questi due file puoi dimostrare la data certa della tua prova di anteriorità per 20 anni anche indipendentemente da Patamu. 
 
Questa è la prova che va presentata al Giudice. Qualora il Giudice dovesse ritenerlo opportuno, potrà chiedere ad un tecnico di verificare le marcature ed analizzare il loro contenuto. In questo modo formerà il proprio convincimento. 
 
Il Giudice non può mettere in discussione la validità della marcatura e della data relativa. Ricordiamo infatti che le marcature temporali ottenute da Patamu sono legalmente riconosciute e garantite dall’Unione Europea, grazie al regolamento EU 910/2014 in materia di identificazione elettronica e servizi fiduciari per le transazioni elettroniche nel mercato interno (c.d. eIDAS). Inoltre, la lora validità legale e internazionale è estesa ai 172 Paesi che hanno firmato la Convenzione di Berna per la protezione di opere letterarie e artistiche. Praticamente, tutto il mondo.
 
Tuttavia, il Giudice potrà chiaramente contestare o rifiutare ad es. l’accusa di plagio una volta verificato ed eventualmente confrontato il contenuto delle marcature. 
Per questo consigliamo sempre di includere nel deposito quanti più elementi si possiedono per provare con la maggiore precisione possible di essere gli autori originali di un’opera.

Per es., se avete composto una canzone, potete includere:

- la registrazione di una bozza o di una versione non definitiva (proteggibilità non troppo definita);

- la registrazione finale ufficiale del brano (proteggibilità media);

- la registrazione finale accompagnata da testo e spartito (proteggibilità alta).

In conclusione, più sono gli elementi in possesso del Giudice (e più sono precisi ed affidabili) più lo stesso sarà facilitato nella sua pronuncia di plagio.

Ricordate che la qualità dei file depositati su Patamu Registry non ha alcun impatto sulla validità della marcatura temporale. Incoraggiamo infatti i nostri utenti a depositare i file nei formati più leggeri (.mp3 invece di .wav, .wmv invece di .avi, etc.). Il nostro consiglio è inoltre di depositare i file quanto prima possibile, anche in stato di bozza se necessario, e di non aspettare di avere l'ultima versione: prima si certifica la paternità rispetto all'atto creativo, meglio è. La prova di paternità può essere superata mediante qualunque prova contraria valida che sia temporalmente antecedente alla nostra prova. 

Infine, vi ricordiamo che solo gli account a pagamento permettono di scaricare il file tsr. Ti consigliamo di scaricare il file zip e .tsr il prima possibile, e di mantenere ad ogni modo il deposito anche sul nostro sito, perché conserviamo i tuoi file con livelli di protezione e ridondanza multipli, mentre conservando le tue prove solo in locale corri il rischio di perderle in caso di guasto ai tuoi supporti di memorizzazione.

 
Avete ancora dubbi a riguardo? Scrivete al nostro team Patamu Legal su Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
Gianluca, Patamu Legal Team
Daniela, Patamu 
Letto 828 volte Ultima modifica il Mercoledì, 23 Ottobre 2019 05:49
Devi effettuare il login per inviare commenti