Blog Patamu

Le ultime news su Copyleft & Copyright, eventi, press review e molto di più
Lunedì, 23 Dicembre 2019 23:23

Gli artisti Patamu: Marco Galli, musicista

Scritto da  Redazione

In questa serie di interviste, stiamo incontrando persone che utilizzano il nostro servizio, e lo usano per difendere la propria arte e i propri progetti. Il servizio Patamu Registry aiuta chiunque crea, mettendo al centro la musica e i diritti di chi la crea.

Man mano che gli artisti si raccontano, per noi della redazione è bellissimo avere il piacere di conoscerli e dar voce ad un loro spaccato di vita.
Oggi vi raccontiamo di Marco Galli, musicista, che ha iniziato ad utilizzare Patamu quando la musica per lui era ancora solo un hobby. 

Trovate qui sotto le nostre domande e le risposte di Marco. Il come, quando e perché si affida a Patamu da anni e i motivi per cui consiglia il servizio.

- Da quanto tempo usi Patamu?
Utilizzo Patamu da circa ormai sei anni, forse poco più.

- Usi il servizio Patamu Registry per hobby o per la tua professione?
Ho iniziato ad utilizzarlo per passione. Oggi lo utilizzo per lavoro, piacere e mestiere.

- Usi o hai usato altri servizi Patamu come Live, Cloud o Legal?
Inizio ora a capire che Patamu live può essere un utile e buon motivo per integrare il servizio da voi offerto e ottenere un riscontro nei live.

- Come hai conosciuto Patamu e perché hai iniziato a usarlo?
È stato un insegnante di chitarra, alcuni anni fa, a parlarmi di questa piattaforma. Così, per curiosità, mi sono avvicinato e ho deciso di iniziare ad utilizzarla.

- Cosa ti piace di più di Patamu?
La semplicità con la quale anche dallo smartphone posso depositare file di testi e canzoni. Inoltre, la vostra disponibilità e attenzione e l'assistenza che trovo sicuramente buone.

- Eri iscritto alla SIAE?
Ero iscritto alla Siae, si. Mi sono cancellato per poter risparmiare qualcosa e per provare una alternativa alla Siae, sebbene non abbia motivi di parlarne male.

- Che tipo di opere proteggi su Patamu?
Tutti i testi e le canzoni che scrivo e compongo. Inoltre ho depositato anche il mio primo libro, Dal mio punto di Svista, Erga edizioni.

- Patamu ha cambiato la tua vita di artista in qualche modo?
Non più di tanto, almeno, non che me ne sia reso conto. È un ottimo servizio e questo agevola, certo.

- Hai qualche storia da raccontarci che in qualche modo è stata causata o influenzata dal tuo utilizzo di Patamu?
Il primo brano depositato insieme al chitarrista col quale condivido il progetto artistico. Abbiamo scritto una canzone nata da una sua riflessione e ci siamo messi insieme a scrivere e a comporre il tutto. 
È stato divertente fare il primo deposito insieme al 50% e far conoscere il servizio.

- Le tue opere protette su Patamu hanno vinto premi o riconoscimenti particolari?
C'è una canzone in particolare a cui devo molto. È La danza del tempo, canzone grazie alla quale ho potuto raggiungere la finale del prestigioso Premio Pierangelo Bertoli, lo scorso anno.

- Hai mai subito un plagio delle tue opere?
Con mio grande rammarico, oggi superato, si. Si tratta di una sceneggiatura e idea che è diventata una fiction sulla Rai, da alcuni anni. L'avevo raccontata in modo spontaneo ad una nota attrice italiana, e dopo due anni circa ho visto la mia idea sugli schermi del televisore. Almeno era una buona idea, davvero.


Grazie Marco per la tua musica e per essere parte della community di Patamu!

Ma prima di salutarci, ecco a voi La danza del Tempo e l'ultimo lavoro di Marco, Come tante candele. Speriamo che possano piacervi come sono piaciute a noi.

Letto 210 volte Ultima modifica il Martedì, 24 Dicembre 2019 05:08

1 commento

Devi effettuare il login per inviare commenti