Blog Patamu

Le ultime news su Copyleft & Copyright, eventi, press review e molto di più
Venerdì, 13 Aprile 2018 09:00

Marco Balbo, musicista - Intervista In evidenza

Scritto da 

Marco Balbo ha 61 anni, nel ‘75 ha realizzato il suo primo 45 giri, ha composto musica a livello professionale e fino a 20 anni fa ha lavorato in uno studio di registrazione.

Ora Marco registra su Patamu i brani del suo quartetto artistico, Otomoto, con cui continua la sua più grande passione.
Cosa lo ha avvicinato a Patamu? Essere al passo coi tempi: "Prima di Patamu, il deposito era pensato per i brani degli anni ‘60, mentre oggi va tutelato il file, anche perché con loop e campionamenti si apre una tematica di tutela differente. Avete riempito una mancanza nel mondo della musica, siete stati efficaci".

Questa, la sua intervista dedicata per #diconodipatamu:

Ciao Marco! Parlaci di te.
Incredibile: sono iscritto alla SIAE dal  ‘76 e non mi hanno mai contattato; sono su Patamù da un mese e ricevo la vostra telefonata!
Sono Marco Balbo, ho 61 anni, nel ‘75 ho fatto il mio primo 45 giri, ho fatto musica a livello professionale, fino a 20 anni fa lavoravo in uno studio di registrazione ma ho smesso perché questo lavoro mi dava poco reddito.

Come hai scoperto Patamu?
Il motivo per cui mi sono inizialmente iscritto è lo pseudonimo. Per registrare un’opera con un altro nome occorre una lunga e macchinosa procedura offerta da servizi che spesso recano insoddisfazione. Il sito di Patamu è fantastico e fare i depositi è bellissimo! Cosa avete di bello? Sicuramente la doppia registrazione.

Quindi nonostante il tuo lavoro sia cambiato nel tempo, continui a far musica?
Assolutamente sì. Su Patamu ho registrato infatti i brani del mio quartetto artistico, con cui continuo la mia passione. Sulla vostra piattaforma registro i nostri brani direttamente con il nome del nostro gruppo, Otomoto.

Cosa ne pensi di Patamu?
La vostra interfaccia è decisamente user-friendly, i prezzi ottimi. Siete al passo coi tempi, il deposito SIAE è pensato per i brani anni ‘60 mentre oggi va tutelato il file, anche perché coi loop ed i campionamenti si apre una tematica di tutela differente. Avete riempito una mancanza nel mondo della musica, siete stati efficaci.


Letto 354 volte Ultima modifica il Lunedì, 09 Aprile 2018 10:16
Devi effettuare il login per inviare commenti