Blog Patamu

Le ultime news su Copyleft & Copyright, eventi, press review e molto di più
Martedì, 09 Luglio 2019 16:38

Patamu tecnologia - scopri la tutela giuridica del software

Scritto da 
Photo by Markus Spiske on Unsplash Photo by Markus Spiske on Unsplash

 


Vuoi capire come tutelare i diritti d’autore sui tuoi programmi? Hai finito di progettare un software e vuoi veder riconosciuto il tuo diritto d’autore? Vuoi sapere quanto costa depositare un brevetto per il tuo software?

Una volta creato il codice sorgente del tuo programma, vorresti poter vantare dei diritti sullo stesso.
Tra le varie proposte del mercato, hai notato tra i risultati anche quelli istituzionali come la Siae per registrazione del codice sorgente.
In questo articolo, cercheremo di spiegarti perché per tutelare il copyright del tuo software è necessaria solo una marcatura temporale, che tutela il diritto d’autore in tutte le opere d’ingegno.


Alla fine di questo articolo, potrai trovare i costi del servizio di Patamu e della Siae. Anche in questo caso troverete una valida alternativa alla Siae, più conveniente e più semplice da utilizzare.

 

Copyright o brevetto?


La proprietà intellettuale dei software, per la legislazione italiana, è soggetta alla normativa sul diritto d’autore.
Quindi, la tutela giuridica del software si basa sul copyright. La legislazione permette di rivendicare come opera propria il codice sorgente alla base.
In Italia, la titolarità del diritti d’autore risiede in capo a chi ha creato il codice sorgente del programma.

Non è possibile brevettarlo in nessun caso?

Si, è possibile brevettare un programma. I parametri rispetto al copyright del codice sono più stringenti.
Per poter richiedere la brevettabilità del software è necessario che il codice sorgente dietro di esso possa proporre una soluzione che risolve in maniera innovativa, e non ovvia, un problema tecnico.

Si propone qui la spiegazione dell’ufficio brevetti:

“Deve quindi trattarsi di un software che si propone di risolvere un problema tecnico (ad esempio migliorare le prestazioni di frenata di un veicolo) ed offrire una soluzione che abbia elementi tecnici che consentono di ottenere un effetto tecnico (ad esempio l’ottimizzazione della frenata).”

Quindi:

Il Copyright protegge la scrittura del codice di un software, il suo codice sorgente.

Il Brevetto invece protegge la funzionalità del programma stesso.

Quali diritti può vantare chi richiede il riconoscimento della proprietà intellettuale di un software?

Chi richiede la tutela del copyright sul codice può vantare due tipi di diritti:

Essere riconosciuto come autore del programma. Questo è un diritto morale proprio di chi ha generato per primo il codice e non può essere ceduto o trasferito.

Un diritto economico, la possibilità di utilizzare in esclusiva un software. 

 

È inoltre possibile cedere dietro compenso (o gratuitamente) la possibilità di utilizzare in esclusiva un software.

  

Scegliere Patamu per il riconoscimento della proprietà del codice sorgente è utile poiché la marcatura temporale ha un valore in sede legale, essendo probatoria.
Infatti, potendo dimostrare quando è stata depositata un’opera, si permette all’autore di difendersi in caso di plagio da parti terze.
Sarà facile per l’autore dimostrare che è il primo ad aver generato quel determinato codice sorgente.
Con Patamu hai anche la possibilità di decidere in che modo tutelare il tuo programma e come diffonderlo, per esempio attraverso le licenze Creative Commons.

 

Quanto costa brevettare un software?

 

Patamu, come Siae, non ha la possibilità di rilasciare brevetti. Questo diritto spetta solo all’Ufficio Marchi e Brevetti.
Tuttavia, come spiegato nell’articolo, si vuole comunque tutelare l’opera, è possibile procedere con il riconoscimento del copyright.

Il servizio offerto da Patamu per la tutela del programma e del suo codice sorgente è uguale a livello legale a quello offerta dalla Siae con il suo servizio di registrazione software.
Quello che cambia sono i costi e le modalità di accesso al servizio.

Qui puoi vedere i costi di Patamu. Gli abbonamenti annuali partono da 36,6 euro l’anno, comprendendo 5 marcature al mese. In questo modo potrai avere accesso a più marcature.

Qui puoi vedere i costi della Siae. Per la registrazione Siae dei software viene richiesto un pagamento di 126,62 euro per un singolo programma.

Inoltre, Patamu ha abilitato il pagamento online per i servizi mentre la Siae ad oggi, permette pagamento o in modalità sportello o tramite conto corrente.

 

Letto 914 volte Ultima modifica il Martedì, 09 Luglio 2019 22:34
Devi effettuare il login per inviare commenti